CLAUDIO BAGLIONI FORUM... UN MONDO IN MUSICA

parafrasi-l'aquilone (Giovanni Pascoli)

« Older   Newer »
 
.
  1.  
    .
    Avatar

    Millennium Member

    Group
    Administrator
    Posts
    109,911
    Location
    Milano

    Status
    Offline

    parafrasi-l'aquilone (Giovanni Pascoli)


    La giornata odierna ha ricordato al poeta il suo passato. Con la mente è andato altrove e intorno gli sembra che siano nate le viole nel bosco del convento dei cappuccini tra le foglie morte cadute dalle quercie.
    L'aria mite ha sciolto la terra ghiacchiata e ha lambito anche le chiese di campagna; è l'aria, per il poeta, di un luogo lontano e di un tempo diverso - l'aria che usava per far volare gli aquiloni.
    Il poeta rievoca una mattina senza scuola. Con i compagni esce nel cortile, tra le siepi irte, con qualche bacca rossa autunnale e qualche fiore primaverile bianco. Sugli alberi zompettava un pettirosso e da un fossato si vedeva uscire una lucertola.
    Davanti al poeta e ai suoi amici, era Urbino: nel vento tutti facevano volare nel cielo azzurro il loro aquilone. Gli aquiloni volavano nel vento, mentre i ragazzi gridavano, prendendo il filo dalla mano di chi li faceva volare. Con l'aquilone anche i ragazzi si sentivano come volare. Ma ogni tanto il vento faceva andare di sbieco l'aquilone: ciò faceva gridare i ragazzi.
    Quelle voci ricordate fanno rimembrare al poeta i suoi compagni, soprattutto quello morente per cui ha pianto e pregato. Quel compagno è stato più fortunato perché il suo più grande dolore è stato vedere cadere gli aquiloni.
    Il poeta, infatti, crede che morire giovani è più dolce che da adulti, perché almeno vicino alla madre.
     
    Top
    .
0 replies since 21/3/2011, 14:55
 
.